Ottobre.. finalmente è Natale!

In questi giorni, nonostante gli ottimi propositi di non anticipare i tempi, sono stata letteralmente travolta dal Natale. Eh sì, avevo pensato di potermi concentrare sul lavoro e sul futuro di Mamma, che Agenda!, ma purtroppo ho dovuto capitolare di fronte all’inesorabile arrivo della festività più attesa dell’anno: durante gli ultimi giorni di settembre, infatti, facendo due passi in un centro commerciale non ho potuto evitare di imbattermi in un intero reparto in fase di allestimento natalizio.. Ma come natalizio?! A fine settembre?

alberi-centro-commerciale

Così, in un attimo mi sono ritrovata travolta da pensieri turbinanti.. Pensieri che avevano per protagonisti intere mute di renne volanti, pacchetti infiocchettati, festoni da appendere in casa ed interminabili giri a cercare il giusto pensiero da regalare a tutti i miei cari! Lo confesso: mi sono sentita decisamente sopraffatta.

Pensandoci bene, però, forse è meglio giocare in anticipo, quest’anno: organizzare i regali e le decorazioni natalizie con quasi tre mesi di preavviso potrebbe far pensare ai miei amici che sto completamente impazzendo, che sono diventata una maniaca del planning, e invece.. Quest’anno, caro Natale, arriverò finalmente preparata!!

Mentre sto scrivendo questo articolo, ho già riempito il mio carrello su un sito di decorazioni natalizie low-cost, dove i tempi di consegna non sono mai inferiori ai cinquanta giorni, però io che sono super-preparata posso permettermi di aspettare che arrivino giusto nei primi giorni di dicembre, garantendomi un risparmio notevole! Chiaramente, ho limitato i miei acquisti alle sole decorazioni e non ho neppure pensato di ordinare giocattoli o altri oggetti da regalare: la qualità e gli standard di sicurezza di certi articoli sono decisamente insufficienti. Su questo è importante riflettere, specialmente quando si parla di regalare un giocattolo che finirà i suoi giorni fra le mani di un piccolo distruttore umano! Ogni volta che devo scegliere un giocattolo seguo tre requisiti fondamentali che l’oggetto deve possedere: solidità dei materiali, assenza di sostanze nocive o vernici tossiche, produttore dotato di un Servizio Clienti che provveda a sostituire il giocattolo in caso di rottura precoce. Purtroppo, sappiamo quanto spesso i giocattoli siano delicati rispetto all’uso che ne viene fatto: conviene spendere un po’ di più e non rischiare di aver gettato i soldi per un regalo che si rivelerà troppo delicato e finirà in discarica, disintegrato, dopo poche settimane.

natale-regaliSpesso sono stata in dubbio, di fronte ai regali di Natale per i figli dei miei amici, se destinare tutto il budget ai soliti giocattoli di moda, oppure differenziare i regali a seconda delle esigenze del bambino e della famiglia. Certo, bisogna impegnarsi un po’ di più: indagare con le amiche sui gusti e le passioni dei figli e magari cercare di capire se c’è altro, oltre ad un giocattolo, che potrebbe piacere al bambino o essergli utile. Di solito, i bambini non fanno caso alla ricchezza del dono ricevuto, quindi basta azzeccare i suoi gusti ed il valore che lui darà al mio regalo sarà comunque altissimo! Con i soldi risparmiati in questo modo posso pensare ad un secondo regalo, come un libro o un capo d’abbigliamento, qualcosa che so che sarà utile al bimbo. Certo, non avrà il successo del primo pacchetto ma farà felici anche la mamma ed il papà!

Intanto, fra un carrello online ed una telefonata di lavoro, sono riuscita a preparare la nuova letterina per Babbo Natale, che ovviamente mio figlio ha provveduto subito a compilare con ogni sorta di regalo incurante del fatto che mancano ancora quasi tre mesi.. L’ho fatta per lui, ma sarei egoista se non la volessi condividere con tutte le mamme come me!

Se vi piace, potete scaricarla e stamparla liberamente!

letterina-babbo-natale-mammacheagenda

E per il pranzo di Natale?! Beh, adesso non esageriamo.. per il pranzo è davvero troppo presto! Siamo solo a ottobre, il Natale è ancora lontano.. o no? 🙂

Ma come… è già settembre?

Eh, già… di certo non ve lo devo dire io che i mesi estivi sono quelli che scorrono via veloci come il vento… vi sarete accorti da soli che succede ogni anno. Non necessariamente solo per chi è in vacanza, visto che per fortuna per chi rimane in città c’è sempre la possibilità di un tuffo in piscina, un pic-nic sul prato o una scappata al mare per il weekend.

La mia estate del 2016 credo la ricorderò per sempre.

Intanto perché é stata l’estate dei miei 40 anni, che temevo come la peste bubbonica e che invece ho festeggiato alla grande con le persone a cui voglio più bene. Conoscendomi, ho realizzato che l’unico modo per non pensare troppo agli inesorabili 39+1 in arrivo, era buttarmi nel lavoro a testa bassa.

13238881_10209545668668720_8089216341814870623_n

La mia idea dell’agenda inizialmente è partita un po’ in sordina. E’ un po’ da me non partire a razzo, ma aspettare sempre le opinioni di chi mi sta intorno, studiare le prime reazioni e le espressioni. Forse mi è bastato sapere che  nessuno prima di me aveva avuto un’idea simile, per lasciarmi trasportare dalla corrente delle idee, delle emozioni e delle mie esperienze personali. Morale della favola: in tre mesi ho pensato, disegnato, photoshoppato un intera agenda e per la stessa ho progettato pure un piano di marketing e comunicazione. Direi che sono riuscita nell’intento di tenere impegnato il mio cervellino abbastanza da non rendermi conto dell’avanzare dei capelli bianchi 🙂

In tutto questo, ho avuto anche il privilegio di riuscire a godermi due periodi di vacanze al mare con la mia famiglia. Puglia e Liguria, due modi totalmente diversi di vivere il mare, ognuno con un fascino particolare, anche se devo ammettere che della Liguria preferisco visitarne l’entroterra e scovare quegli angoli apparentemente dimenticati, ma pieni di fascino e magia.

cervo

Cervo (IM)

Proprio in vacanza, ho realizzato che la prevendita dell’agenda stava avendo un grande successo, al punto che abbiamo dovuto chiuderla in anticipo. Il volume è stato acquistato da tantissime persone e devo ammettere che essendo il mio primo progetto editoriale non mi aspettavo così tanta fiducia e curiosità.

Una volta rientrata a casa, ho aperto la porta al corriere che mi ha consegnato uno scatolone. Tagliare il nastro adesivo col cutter, sentire il profumo della carta e dell’inchiostro invadere le narici è già di per sè una cosa meravigliosa, per non parlare del fatto che quella cosa meravigliosa fino al giorno prima era solo un’idea, un insieme di files grafici e di scarabocchi buttati in un cassetto.

Oggi non posso tirare le somme di questa bella avventura perché la sto ancora vivendo, ancora con il profumo della carta nelle narici, aspettando di ricevere consigli, critiche, condivisioni, apprezzamenti e tutto ciò che di costruttivo mi possa portare questa esperienza.

Intanto però, voglio ringraziare chi ha acquistato l’agenda ma anche chi semplicemente si è interessato al mio progetto, e lo faccio regalandovi qualcosa che aiuti tutta la famiglia ad affrontare al meglio il rientro dalle vacanze.

Dovete sapere che oltre all’agenda, a casa nostra utilizziamo un planning settimanale che attacchiamo con le calamite al frigorifero, dove ognuno scrive i propri impegni per facilitare al meglio l’organizzazione della vita familiare. E’ fatto più o meno così:

planning-settimanale-scritto-trasp

Vi piace? Se pensate che possa esservi utile, non dovete fare altro che scaricarlo gratuitamente al link qui sotto. E’ in formato A4 a colori, ma potete anche stamparlo in bianco e nero.

Planning Settimanale – A4

Poi, se vi va, possiamo fare gli alternativi: invece di essere tristi per la fine delle vacanze, al nostro rientro stappiamo una una bottiglia e brindiamo alle nuove opportunità, al rientro al lavoro, all’iscrizione in palestra, all’inizio della scuola, ad un non-compleanno… insomma: proviamo a trovare un buon motivo per brindare e soprattutto per essere felici di ciò che abbiamo.

Buon rientro a tutti!

Cosa metto in valigia?

valigia

Non so voi, ma anche se adoro le vacanze, per me quando arriva il momento di fare le valigie è sempre uno stress.

So che siamo già ad agosto e che tante di voi saranno già state in vacanza, ma per chi deve ancora partire, ho voluto creare questo promemoria che potrete stampare e compilare per non dimenticare più niente e soprattutto per non farvi andare in crisi all’idea della valigia da riempire 🙂

Schermata 08-2457604 alle 16.18.02

Se volete scaricarlo, cliccate su uno dei due link qui sotto (è disponibile in due formati). L’ho fatto volutamente in bianco e nero per risparmiare un po’ di inchiostro nella stampante, ma se desiderate una versione a colori scrivetemi qui e ve lo spedirò via email gratuitamente.

Vi ricordo che che da settembre avrete la possibilità di avere sulla vostra scrivania Mamma, che agenda! che avrà già al suo interno, oltre a tante schede per la gestione degli impegni quotidiani, anche una scheda simile a questa dedicata ai viaggi, ma ancora più completa e super colorata.

Non mi resta che augurarvi buone vacanze!

Download – Cosa metto in valigia? Formato A4

Download – Cosa metto in valigia? Formato A5